Tu sei qui

Lenti a contatto: attenzione alle infezioni

Le lenti a contatto sono una bella invenzione per chi non sopporta o non ama gli occhiali. Sempre più sofisticate e adattabili al corpo, ci permettono di apparire naturali e allo stesso tempo di continuare a vedere bene. Le ragazzine le usano anche per cambiarsi il colore degli occhi, tanto per giocare, perché in fondo non fa male e non fa danno. 

O quasi.
Infatti, nuovi studi dimostrano che le lenti a contatto possono aumentare il rischio di sviluppare infezioni oculari, possono veicolare i batteri che si raccolgono intorno fin dentro gli occhi e il contatto diretto col bulbo oculare fa sì che questi entrino immediatamente in circolo. Lo rivela uno studio del Langone Medical Center della New York University, presentato al meeting annuale della American Society for Microbiology a New Orleans.

Un test condotto su 20 persone ha suddiviso le reazioni in base a chi usava le lenti a contatto ogni giorno (9 persone) e chi mai (le restanti 11). Analizzando il primo gruppo è stato subito chiaro che la presenza di batteri negli occhi era più numerosa rispetto a chi non portava le lenti, ma soprattutto che i batteri individuati negli occhi di quei soggetti avevano come habitat naturale la pelle umana! Gli studi proseguiranno per capire come arrivino fin lì i batteri della pelle: potrebbero essere portati dalle stesse dita delle persone che le indossano, oppure è la lente stessa che li attira in modo elettrostatico? In attesa della risposta, si può solo invitare chi porta le lenti a contatto a fare molta attenzione… e le ragazzine a non giocare a cambiarsi il colore degli occhi senza motivo.